Più furbo Berlusconi o più incapaci i suoi avversari?

Stretta di mano tra Berlusconi e D'Alema forse il simbolo del berlusconismo

Ebbene sì, ho completamente sbagliato previsione.  Perché tutto si potrà dire del nuovo presidente della Repubblica tranne che sia impresentabile. D’accordo che è pur sempre un democristiano, ma insomma Sergio Mattarella non è, per dire, Casini o Gianni Letta.

Piuttosto, l’indiscutibile trionfo di Renzi che umilia come mai era successo finora Berlusconi – e affonda ogni residua credibilità di Civati o Vendola – potrebbe essere una possibile chiave di lettura su tutto quello che è successo negli ultimi vent’anni.

E cioè se il berlusconismo sia dipeso dall’inarrestabile furbizia di un uomo volgare e ignorante capace di comprare tutto e tutti, compreso il silenzio-assenso della sinistra, o se magari la sua reale forza sia stata via via sopravvalutata per manifesta mediocrità dei suoi avversari.

Un pensiero su “Più furbo Berlusconi o più incapaci i suoi avversari?

I commenti sono chiusi.