Taroccate pure le SUE primarie? Allora Cofferati lascia il Pd

Sergio Cofferati

Sergio Cofferati

Davvero un tipo curioso Sergio Cofferati. Singolare figura umana prima ancora che politica. Uno capace cioè di turarsi il naso per anni e non accorgersi di niente. Nemmeno di come a volte funzionano le primarie. Almeno finché non fregano lui. Allora no. Allora sono tutti stronzi, mentre fino al giorno prima evidentemente non aveva niente da ridire.

Non mi posso candidare? Ah, sì? Figurati: eccolo rimettere subito la maschera del duro e puro mentre punta il dito contro Renzi e al colmo dell’indignazione fa sapere al mondo intero che lui non ci sta e se ne va. Lui lascia il Pd, mica no, perché nessuno può permettersi di toccare pure le sue primarie. Passi per gli altri, ma lui è Cofferati e adesso lo sentirete.

È inaccettabile, dice. Trattare così uno dei fondatori del Pd. E ce lo ridice pure, rimanendo pure serio. Proprio lui che verrà ricordato soprattutto tra quanti hanno materialmente cancellato la sinistra italiana ora improvvisamente si accorge che nel partito c’è qualcosa che non va. Ma tu pensa. Ma guarda un po’ quante sorprese può riservare a volte la vita.

Un pensiero su “Taroccate pure le SUE primarie? Allora Cofferati lascia il Pd

I commenti sono chiusi.