Thohir sconfessa se stesso e finalmente investe sull’Inter

L'immagine forse più bella di Mancini interista: a Parma nel 2008 mentre festeggia sotto la pioggia lo scudetto vinto all'ultima giornata

L’immagine più bella di Mancini interista: a Parma nel 2008 mentre festeggia lo scudetto vinto all’ultima giornata

A parte ogni possibile considerazione – più che lecita viste le tante cazzate commesse fin qui dalla nuova proprietà – con il ritorno di Roberto Mancini praticamente Erick Thohir sconfessa – clamorosamente – se stesso.  Dando ragione a chi come questo blog gli faceva notare che senza qualità – a cominciare dall’allenatore – non si sarebbe mai andati da nessuna parte.

Con il sorprendente arrivo di Mancini  è come se Thohir ammettesse di aver sbagliato tutto e di aver quindi deciso di fare esattamente il contrario di come ha agito finora. Finalmente sembra aver capito che cos’è l’Inter, che cosa rappresenti per il calcio e che rispetto meriti. E sarà difficile – avendo ora a che fare con uno come Mancini – che possa dimenticarsene.

Calma però con i facili entusiasmi. Visto il personaggio – uno che finora le ha sparate sempre grosse, ma in quanto a soldi non se ne sono visti neanche l’ombra – conviene assolutamente restare cauti e aspettare ulteriori conferme. Quali? Che a gennaio investa adeguatamente come una delle squadre più importanti al mondo merita. Tutto il resto sono solo chiacchiere.

4 pensieri su “Thohir sconfessa se stesso e finalmente investe sull’Inter

  1. Rudi

    “Finalmente sembra aver capito che cos’è l’Inter”, dici di Thohir.
    E infatti questa è la speranza, persino superiore all’elettroshock dell’arrivo di Mancini.
    Seconda speranza: che Mazzarri preluda all’esonero anche di Fassone e di qualche altro incompetente che ha “consigliato” finora l’indonesiano.
    A Mancini si chiederà di essere molto più di un allenatore, e come leader lo considero un fenomeno, mentre come allenatore vale come molti altri.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.