Siate pure ingiusti, però fate almeno la carità

Il Rapporto Oxfam chiede maggiore sensibilità nei confronti dei più poveri

Dalle grandi utopie si è passati ai progetti per invitare i più ricchi a fare ogni tanto un po’ di elemosina ai più poveri

Sfruttamento sì, ma senza esagerare perché sennò si limitano i consumi. Disuguaglianza sì, ma non troppa però perché sennò aumentano i conflitti sociali e si danneggia la crescita. Ingiustizia sì, ma non esagerata perché sennò nessuno più crederà al sogno di poter diventare improvvisamente ricco. È la ricetta proposta nel rapporto dell’agenzia internazionale Oxfam: Partire a pari merito (pdf). Un dossier autorevole che fa il punto sulle disuguaglianze nel mondo:

Tra il 1980 e il 2002 la disuguaglianza tra Paesi è rapidamente salita a un livello vertiginoso e in seguito è diminuita leggermente per effetto della crescita nei Paesi emergenti, in particolare in Cina. Ma ciò che conta di più per i cittadini è la disuguaglianza all’interno dei singoli Paesi, laddove i più poveri lottano per la sopravvivenza mentre i loro vicini prosperano, e nella maggior parte dei casi questa situazione è in rapida espansione. Sette persone su dieci vivono in Paesi dove il divario tra ricchi e poveri è maggiore di quanto non fosse 30 anni fa e nei Paesi di tutto il mondo le minoranze più ricche si appropriano di una quota sempre crescente del reddito nazionale.
A livello mondiale, il divario tra patrimoni individuali è ancora più estremo. Oxfam ha calcolato che nel 2014 le 85 persone più ricche del pianeta possedevano tanto quanto la metà più povera dell’umanità.Tra il marzo 2013 e il marzo 2014 questi 85 individui si sono arricchiti di 668 milioni di dollari al giorno. Se Bill Gates liquidasse in denaro contante tutti i suoi averi e spendesse 1 milione di dollari al giorno gli servirebbero 218 anni per esaurirli. In realtà non resterebbe comunque mai senza denaro, poiché anche un modesto guadagno di appena il 2% gli frutterebbe 4,2 milioni di dollari al giorno solo di interessi.

Colpisce però come con la fine delle ideologie e della politica intesa come rappresentazione di conflitti sociali le ambizioni di un tempo ormai lontanissimo siano ripiegate su più prosaici e realistici minimi sindacali. E cioè che il rapporto Oxfam – senza per questo voler mettere in discussione l’importanza dell’iniziativa e il livello davvero notevole del lavoro svolto – tutto sommato si riproponga non certo l’eliminazione delle disuguaglianze nel mondo, ma solo una riduzione di quelle più estreme:

Gli eccessi di disuguaglianza a cui oggi assistiamo danneggiano tutti. Ma alle fasce più povere di tutte le società, dall’Africa sub-sahariana ai Paesi più ricchi del mondo, l’estrema disuguaglianza nega ogni possibilità di sollevarsi dalla miseria e vivere una vita dignitosa.
Oxfam fa appello ad un’azione concertata per costruire un sistema economico e politico più equo che valorizzi ogni singolo cittadino. Governi, istituzioni e grandi imprese devono assumersi la responsabilità della disuguaglianza estrema, rimuovere i fattori che hanno condotto all’attuale eccesso di disuguaglianza […]

Che poi, ammesso e concesso che la globalizzazione possa improvvisamente trovare al suo interno, come dire, una sensibilità (sic) tale da diventare più… umana (sic) almeno con le fasce sociali più derelitte, tutto sta poi spiegarlo per esempio ai cinesi che non hanno fatto altro che copiare il libero mercato per poi applicarlo fino alle estreme conseguenze e cioè trasformando lo sfruttamento in vera e propria schiavitù. Chi glielo dice, proprio ora che stanno per comprarsi il mondo intero, che quello stesso libero mercato tanto decantato adesso non va più bene?

Un pensiero su “Siate pure ingiusti, però fate almeno la carità

  1. nino44

    ci vorrebbe il sovvertimento dell ordine mondiale, ma la rivoluzione francese non la vuole fare piu nessuno, nemmeno i francesi
    siamo ancora al paradosso che i poliziotti menano gli operai…
    e la mattina mi vengono a raccontare che milano ha guadagnato lo 0,4…
    ah poi mi vengono a chiedere pure di fare un SMS per donare un euro per riparare i danni che hanno fatto…robe da non credere…

    Mi piace

I commenti sono chiusi.