Agnelli finalmente sbugiardato dall’Inter. Di Thohir

Sicuramente Andrea Agnelli sarà rimasto spiazzato perché era abituato a ben altre risposte, quelle cioè sempre troppo educate e tolleranti di Massimo Moratti. Sicuramente Agnelli pensava di passarla liscia come sempre quando si tratta di offendere l’Inter. Invece stavolta, proprio nel giorno in cui è stato celebrato l’addio di Moratti, dall’Inter è arrivata una replica di quelle che tutti noi tifosi, inutile negarlo, aspettavamo da anni. E cioè un comunicato che sbugiarda Agnelli e gli ricorda come Calciopoli abbia svergognato lo sport italiano:

MILANO – F.C. Internazionale prende atto dell’ennesimo tentativo del Presidente Agnelli di mistificare i fatti e di cambiare il corso della storia. Purtroppo per lui e per tutto il calcio italiano il 2006 è stato un anno disastroso, in cui lo scudetto è stato assegnato legittimamente all’Inter dalla FIGC, e la Juventus è stata retrocessa in serie B insieme alla sua reputazione. Questi sono i fatti. Che non permetteremo a nessuno di alterare né di dimenticare.

Finalmente un po’ di coraggio, insomma. Era ora. Che sia però soltanto l’inizio di una diversa attenzione ai media. Perché la Fiat (o, come si chiama adesso, Fca) non cambierà certo il modo di fare comunicazione. E l’Inter non dovrà mai più indietreggiare anche di un solo centimetro.

L'inequivocabile pagina della Gazzetta sulla sentenza in Appello di Calciopoli

L’inequivocabile pagina della Gazzetta sulla sentenza in Appello di Calciopoli

2 pensieri su “Agnelli finalmente sbugiardato dall’Inter. Di Thohir

  1. raria74

    in cosa lo avrebbe sbugiardato scusa??? Non è forse vero che Massimo si è messo in bacheca uno scudetto nostro o negate anche questo?
    chi è massimo?
    Calciopoli la vostra vergogna, come il coltello che ha piantato Commodo nel fianco di Massimo X
    E’ la vergogna di chi ha creato la farsa ad arte,
    E’ la vergogna di quei PM che hanno detto il falso in aula, che hanno minacciato e chiesto la ricusazione del giudice Casoria, che hanno fatto scomparire prove, e non refertato telefonate contrassegnate, solo perchè non dovevano essere refertate
    E’ la vergogna di chi voleva solo ed esclusivamente colpire la juventus, di fatto l’unica a pagare e la sua dirigenza:
    Luciano Moggi è stato condannato perchè cenava con i designatori arbitrali, Giacinto Facchetti no anche se andava fino a Bergamo a prendere il caffè direttamente con gli ‘arbitri, e a cena a Milano oppure a Forte dei Marmi a casa di Moratti per consegnargli i “pensierini”.
    Luciano Moggi è stato condannato perchè in una telefonata un assistente raccontava di un suo litigio con Paparesta in spogliatoio (poi non refertata), c’è una telefonata in cui Bertini (un arbitro) si lamenta per una sfuriata di Giacinto in spogliatoio (poi non refertata).
    Luciano è stato condannato perchè parlava con i designatori arbitrali di griglie (con sorteggi regolari COME DA SENTENZA), Giacinto Facchetti chiedeva gli venissero mandati gli arbitri che diceva lui ancora prima dei sorteggi ( Facchetti- Mazzei)
    Luciano Moggi è stato condannato perchè usava schede sim straniere assolutamente legali per un dirigente aziendale contro lo spionaggio industriale Tronchetti Provera non è mai stato processato nonostante aveva messo su una serie di pedinamenti, intercettazioni illegali di personaggi vicine al mondo del calcio, avvantaggiandosi di informazioni private, e fatti personali di società e persone vicine. Questa si chiama concorrenza sleale e violazione di privacy.
    E’ la vergogna dei media asserviti al potere economico-finanziario e politico che ha ordito calciopoli e lo hanno amplificato, tacendo poi sulle successive scoperte.
    E’ la vergogna di chi ha fatto arrivare a Borrelli le carte che non si potevano dare-
    E’ la vergogna di chi si è dichiarato incompetente a giudicare determinati fatti.
    E’ la vergogna di chi ha condannato la juventus in tempi lampi, con modalità degni della Santa Inghisizione, mentre per condannare l’Inter ha impiegato 5 anni, con l’aggiunta di 20 gg per farli avvalere della prescrizione, il quale Massimo Moratti non ha mai rifiutato, questa si chiama ” farla franca” mentre Luciano Moggi rifiuta con forza e continua la sua battaglia, questa si chiama ” onestà “.
    E’ la vergogna di chi ha scaricato Luciano Moggi, e non ha difeso la Juventus, di chi ha accettato passivamente la condanna ed ha ritirato il ricorso al TAR.
    E’ la vergogna di chi su calciopoli ha costruito le sue glorie vincendo 5 scudetti, tirarando fuori circa 1 miliardo di euro, mettendo quasi sul lastrico la società che aveva messo in piedi Angelo Moratti e poi regalarla a un indonesiano che per tirar fuori 75 milioni ha dovuto inventarsi una partnership a tre.Perchè nessuna nega la grandezza di quella grande Inter… ma voi guardando Commodo e Massimo x combattere affermereste che Commodo è un grande gladiatore, dopo aver inferto un colpo basso al suo avversario?
    Allora domandatetevi guardando la lotta al colosseo del gladiatore tra commodo e massimo e a quel punto chiedetevi:
    CHI è MASSIMO?

    Mi piace

I commenti sono chiusi.