Golletto che vale tre punti e tanta noia

D'Ambrosio esulta dopo aver sbloccato il risultato a Kiev

Il massimo risultato facendo il minimo indispensabile. L’Inter di Mazzarri ottiene il massimo giocando quasi in punta di piedi a Kiev in un’atmosfera vagamente spettrale. Ripresa un po’ meno soporifera del primo tempo, ma comunque una gara noiosa come poche. Pochi spettatori, niente spettacolo, scarsa voglia di divertire e divertirsi: più che comprensibile con la guerra in corso. Siamo sicuri che in questi casi giocare sia la scelta migliore? Mah…

Sfruttando come meglio non si poteva la superiorità numerica in seguito all’espulsione del capitano del Dnipro per un secondo giallo inventato dall’arbitro, nel secondo tempo l’Inter ha segnato con un D’Ambrosio in stile Garrincha il golletto che serviva. Un affondo vincente e stop. Per il resto poco altro con ritmi più da allenamento che da gara di coppa. Mentre gli ucraini, da parte loro, una volta rimasti in dieci nemmeno hanno provato più a cercare la porta di Handanovic.

Dopo il Sassuolo, insomma, un’altra vittoria facile facile. Al di là dello spessore degli avversari, si vede che c’è una sufficiente organizzazione di gioco. Molto positivo, per esempio, il non aver mai preso gol. Soprattutto tenendo presente che nella passata stagione se ne prendevano troppi. È ancora troppo presto però per capire quanto può valere questa squadra. Quello di domenica a Palermo presumibilmente potrebbe essere un test più attendibile.

2 pensieri su “Golletto che vale tre punti e tanta noia

  1. Rudi

    Giocare così, non fa vendere magliette.
    Guarìn seconda punta è una barzelletta di cui parleremo per anni. Jonathan centrocampista (con Obi e Khrin in lista Champions) è un insulto alla logica.
    Certo, Vidic è veramente forte, ma vedendo giocare l’Inter nei 64esimi di finale vorrei almeno divertirmi. Fra tutte le partite delle squadre italiane, credo sia stata la più brutta.

    Mi piace

  2. nino44

    ok…quel che non strozza, ingrassa
    forse è solo questione di turnover
    però sta storia del guaro punta o semipunta deve finire…
    vada per kuzmanovich (turnover) ma guaro punta non esiste…
    aspettiamo Palermo va…

    Mi piace

I commenti sono chiusi.