Kovacic unico vero fuoriclasse

L’Inter è Kovacic. Prima un suo lampo sblocca il risultato, poi il bellissimo raddoppio. Palla al piede è imprendibile e dà pure la sensazione di poter ulteriormente crescere. Un vero spettacolo.

Medel è diventato subito indispensabile. Finalmente l’Inter torna ad avere in mezzo al campo un vero mediano e la squadra improvvisamente sembra più compatta ed equilibrata.

Per contro Hernanes continua a sembrare inutile. Ma con Mazzarri è una partita persa: insisterà a oltranza come ha fatto la scorsa stagione con Alvarez. Lui, Mazzarri, è così: si impunta sui suoi errori e niente lo smuove. Figurarsi se poi incontra squadre materasso che fanno sembrare tutto normale. Ma non lo è: contro squadre più organizzate la lentezza di Hernanes in copertura diventerà il punto debole del centrocampo.

Dodò straripante in attacco, ma a volte troppo lezioso e poco attento in marcatura. Bravo è bravo, ma deve ancora imparare (e parecchio) a fare la fase difensiva. Lui e Juan Jesus – con la sua nuova orrenda capigliatura – sulla fascia sinistra tendono a esagerare e a fare i fenomeni e così spesso vanno in totale confusione. Da tenere a freno o fanno danni.

2 pensieri su “Kovacic unico vero fuoriclasse

  1. antoniodaroma

    La butto così, come me – secondo me iluminatamente – ha argomentato l’erede mentre vedevamo la partita: ma per quale motivo abbiamo speso 20 milioni di euro per Hernanes e non abbiamo preso Naingolan? Detta a bruciapelo ha lasciato basito anche me, ragionandoci penso che l’erede non abbia tutti i torti: proviamo ad immaginare l’indonesiano con Medel (il francese di scorta) e Kova ancora più sereno per giocare come fa intuire che sa, con il Guaro di rinforzo dalla panca.
    Vabbe’, sto sognando, ma venti milioni per l’unico giocatore che si pesta i piedi con il nostro futuro croato……
    Godo per Mapei, lunga vita in serie A

    Mi piace

I commenti sono chiusi.