Non c’è altra scelta

La sinistra non c’è più. L’Inter non c’è più. E l’Italia assomiglia sempre di più (vedi Razzi o Vespa) a un cantone svizzero. Che fare, allora? La situazione mi sembra abbastanza deprimente, senza contare che ultimamente la mia insofferenza sta superando sempre più spesso i livelli di guardia. Ora come ora non vedo allora altra soluzione se non questa:

2 pensieri su “Non c’è altra scelta

  1. ornella

    forest gump è azzeccatissimo, se hai fiato per correre, altrimenti una bella vacanza dove resettare il cervello…..
    per un po’……..

    Mi piace

I commenti sono chiusi.