I fallimenti dell’Inter non sono solo una questione di milioni

Marco Benassi con la maglia dell'Inter nella scorsa stagione

Marco Benassi con la maglia dell’Inter nella scorsa stagione

Da Moratti a Thohir sempre incapaci di seguire un’idea di calcio che sia una

Al di là della comprensibile rabbia e inevitabile amarezza quello che viene da chiedersi è: a che sono servite queste ultime due stagioni? Scontata la risposta: a perdere tempo. Da Moratti a Thohir si continua a commettere sempre lo stesso errore e cioè quello di allestire una squadra che non è né carne né pesce. Vale a dire: una squadra né adeguatamente attrezzata per lottare per un posto in Champions League, ma nemmeno una squadra di prospettiva, costruita cioè su un progetto ben preciso con un allenatore che abbia la totale fiducia della società, il suo gruppo e la sua idea di gioco da sviluppare nel tempo.

Il problema è che per paura di sbagliare si condanna l’Inter alla mediocrità

Che nessuno però si azzardi a farne solo una questione di soldi perché non è così. Per Moratti come adesso per Thohir non ci sono giustificazioni finanziarie che tengano: il loro problema è soprattutto la paura di sbagliare, che porta a fare scelte mediocri. Non ci sono più i milioni di una volta? Bene: perché allora non sono stati valorizzati i tanti giovani di talento usciti dalla Primavera? Che senso ha iniziare ogni volta la stagione senza mai avere in testa un progetto che sia uno per poi, puntualmente, nel mercato invernale di riparazione spendere soldi spesso a casaccio nel vano tentativo di aggiustare le cose?

Siamo proprio sicuri che il pur giovane Benassi sia più scarso di Hernanes?

Che senso ha aver investito quei pochi milioni a disposizione, a gennaio e cioè a campionato compromesso, per prendere giocatori che non sono certo dei fuoriclasse, quando già nella passata stagione erano emersi giovani talenti se non altro di pari livello di quelli acquistati e per giunta a costo zero come Benassi, ‘MBaye e Duncan? Forse che, al netto della giovane età e dell’inesperienza, ‘Mbaye è peggio di D’Ambrosio? A me non sembra proprio. E siamo sicuri che Hernanes valga 20 milioni? Io, dopo averlo visto perdere quasi tutti i duelli con il 19enne Benassi (tanto da costringere Mazzarri a spostarlo sull’altra fascia) mica tanto.

Annunci

5 pensieri su “I fallimenti dell’Inter non sono solo una questione di milioni

  1. fabiof62

    dopo lo scempio di giovedì sera, mi era ripromesso di non vedere questa partita….ma purtroppo ieri sera ero di nuovo davanti al televisore come un cretino…
    che dire? siamo una squadra mediocre, non tanto nei giocatori che pure non sono fenomeni, allenata male durante la settimana, gestita malissimo a livello di gruppo e individuale, senza uno straccio di schema sui calci piazzati a favore ed andiamo in crisi per un banale blocco in area degli avversari, i nostri esterni ricevono sempre palla da fermo sulla trequarti avversaria, spesso con le spalle rivolte verso la nostra porta, e sono sempre costretti o a ridarla indietro o a tentare assurdi uno contro uno, regolarmente persi.
    a questo punto le ultime otto partite spero che vengano esaminate attentamente a Giacarta

    Mi piace

  2. Rudi

    Il fallimento di Mazzarri è eclatante.
    Incredibile sentire acuti commentatori che lo difendono.
    L’Inter gioca male, non sa giocare bene nemmeno con tutte le condizioni a favore (0-2 a Livorno, che vuoi di più? Invece, abbiamo cominciato a fare retropassaggi sperando arrivasse il fischio finale).
    Confido nel fiuto dell’indonesiano, sennò anche la prossima stagione sarà sprecata.

    Mi piace

  3. voici

    Anche a mente fredda ti domandi se Benassi valga meno di Hernanes?

    Capisco l’incazzatura per come è maturato il risultato e condivido quanto hai scritto sulla gestione Moratti. Ma Thohir ed Hernanes per ora li terrei fuori da giudizi sommari. Il che non significa che tu non possa avere ragione anche nel loro caso. Però è quantomeno prematuro.

    Mbaye è un bel casinista e insieme a Benassi e Bardi potrebbero tranquillamente stare da noi. Ma anche altri che abbiamo in giro.
    Il fallimento è proprio nell’aver sprecato due anni per valutare l’effettivo valore dei canterani. Per tacere di Cou e Mateo.
    Stessi errori per Strama e Mazzarri e mi auguro stessa sorte.

    Mi piace

  4. alebianchi73

    segnale, continuo a non seguirti su thohir

    non capisco come si possa imputare all’indonesiano il fallimento di questa stagione

    considerando tutte le attività che comprende un’operazione come quella del passaggio di proprietà dell’inter,
    più che comprare uno dei migliori giocatori presenti in italia (senza vendere nessuno), cos’altro ci si aspettava da lui in 5 mesi?

    la verità è che l’era thohir partirà a giugno, hernanes e vidic sono solo un aperitivo

    Mi piace

  5. segnaleorario Autore articolo

    D’accordo con te: ha tutte le attenuanti per il fatto che è arrivato adesso. E mi fa piacere che voglia finalmente investire. Però mi lascia perplesso la gestione di Mazzarri. Francamente io non ho ancora capito che Inter vuole Thohir.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.