Roma quasi proibitiva anche se forse non quanto il… Cagliari

Mauro Icardi un pirla di talento

Mauro Icardi un pirla di talento

L’Inter ripone ogni speranza nell’incerta presenza del fragile Hernanes

Con o senza Hernanes (abile) è un’Inter decisamente diversa. Dipenderanno molto dalla sua presenza le possibilità che Mazzarri possa uscire vivo (o comunque non proprio con le ossa rotta) dall’Olimpico. La sua Inter non può ormai rinunciare all’unico capace di riuscire a dare un minimo di equilibrio in mezzo al campo. Così bravo nelle prime due apparizioni da far dimenticare l’assenza di un vero mediano in grado di garantire un minimo di copertura. Il problema è: quali sono le sue reali condizioni? Perché si allena sempre a parte? Che ha? Si può contare su di lui? Si tratta cioè di un impedimento fisico solo temporaneo o sarà sempre così?

(Mai insomma una soddisfazione che sia una. Manco il tempo di finire a dire di aver preso dopo tanti scarti finalmente uno veramente buono ed ecco subito c’è qualcosa che non va. Destino infame, insomma: mai uno normale. Mai)

De Rossi e Strootman sono quelli che fanno la differenza tra Roma e Inter

Con De Rossi e Strootman la Roma rimane di un altro pianeta. Quei due poi sono esattamente i centrocampisti di cui l’Inter avrebbe bisogno per poter subito tornare a esprimersi ai livelli di un tempo. Certo, a una squadretta come l’Inter di Mazzarri si è dimostrata ultimamente potrebbe anche venire meglio giocare contro chi concede spazi piuttosto che affrontare avversari più modesti e tatticamente molto meno intraprendenti. Fare risultato all’Olimpico potrebbe cioè anche essere non così impossibile come per esempio riuscire a battere il Cagliari in casa. Del resto a Firenze (anche se la Roma è ancora più forte) la squadra ha retto l’urto e il miracolo è riuscito. A voler però rimanere con i piedi per terra resta il fatto che i margini sono ovviamente pur sempre minimi. Ci vorrebbe un miracolo o quasi.

L’Olimpico potrebbe essere la grande occasione di Icardi

A voler essere proprio ottimisti si potrebbe anche ipotizzare che potrebbe benissimo essere la partita di Icardi, sempre che Mazzarri trovi il coraggio, come sembra, di farlo finalmente giocare dall’inizio. Anche se – facendo le debite proporzioni tra i valori in campo – sarebbe oggettivamente più verosimile che possa risultare decisivo l’ex Destro. Ma, insomma, ora o mai più: per quel poco che ha fatto vedere fin qui di sicuro il talento non gli manca. Icardi dimostri allora di meritarsi l’eventuale chance di giocare al posto di un monumento come Milito. Altrimenti, se ne torni pure a twittare le sue solite stronzate. Certo, però, che dopo giocatori di grande personalità come Milito (o Eto’o) viene difficile solo pensare di poter affidare le sorti future dell’attacco a un pirla del genere…

La formazione

Chissà se prima o poi Mazzarri deciderà (almeno prima che finisca il campionato) di far giocare D’Ambrosio. Uno, per dire, che prima di prenderlo sembrava assolutamente indispensabile e ora invece non vale nemmeno un cambio. Mentre a centrocampo casomai Hernanes non dovesse farcela c’è il rischio di vedere di nuovo in campo un sempre più sfinito e inconcludente Alvarez. A quel punto, invece, non sarebbe male rischiare, proprio come mezzala sinistra, il rientrante Cambiasso: perché no? Mentre in attesa di ritrovare un Milito finalmente più reattivo non si può non dare un po’ di fiducia a Icardi.

Handanovic – Rolando, Samuel, Juan Jesus – D’Ambrosio, Guarin, Kuzmanovic, Hernanes (Cambiasso) Nagatomo – Palacio, Icardi

Il pronostico

0-0? Magari.

La conferenza di Mazzarri

Annunci

Un pensiero su “Roma quasi proibitiva anche se forse non quanto il… Cagliari

  1. Voici

    Credo che il problema più grande di questa squadra sia non avere obiettivi. Più grande della indubbia mediocrità della rosa vista la mediocrità del contesto…
    Finché ci hanno consentito di competere abbiamo anche fatto discretamente. Quando è diventato evidente il trattamento “particolare” che ci avrebbero riservato sono tornati evidenti i limiti di carattere e qualità.
    Questa premessa solo per dire che stasera ci sarà concentrazione e intensità perché avremo di fronte un grande avversario e che probabilmente il vento arbitrale sarà favorevole – madama e Mediaset rulez – ma nonostante questo probabilmente si perderà. E se ci daranno un rigore bisognerà avere la dignità di buttarlo fuori. Fanculo la EL e sta farsa.

    Vincere e non arrivare terzi sarebbe un fallimento. Peggio, sarebbe complicità.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.