Se Mazzarri chiede a Thohir “discorsi di senso compiuto”

Walter Mazzarri chiede chiarezza sugli obiettivi della società

Walter Mazzarri dice no. Lui non se la sente di prendere per il culo i tifosi e non prometterà mai cose realisticamente impossibili. Se questa invece è l’intenzione di Erick Thohir, sappia allora il nuovo proprietario dell’Inter che non potrà contare sulla complicità di Mazzarri. E cioè che, come ha spiegato in maniera corretta e trasparente nella conferenza prepartita di oggi, l’Inter attuale sta facendo il massimo e di più non può dare. Chi sostiene il contrario — questo è quanto traspare tra le righe — mente sapendo di mentire o capisce poco di calcio. Ribadendo cioè che con l’attuale organico sarebbe già un mezzo miracolo mantenere il quarto posto fino alla fine. Quindi è bene che Thohir non faccia il furbo e non scarichi ogni responsabilità su tecnico e squadra. O si investe per prendere un po’ di rinforzi funzionali alle necessità della squadra o è inutile creare false aspettative. O meglio ancora — e questo Mazzarri non lo dice però lo fa capire tra le righe — Thohir è libero di fare quello che gli pare, ma non può metterlo in mezzo. Ragion per cui Mazzarri giustamente mette le mani avanti e invita Thohir ad essere più chiaro:

“Potremmo anche restare così per quest’anno, ma dipende cosa chiede la società per fine anno. Possiamo valorizzare anche Bonazzoli che ha delle ottime qualità a 16 anni. Ma dipende dagli obiettivi che ci poniamo per fine anno. Non voglio entrare nel mercato, ma sono discorsi di senso compiuto. In ogni caso ancora non è gennaio”.

Insomma, seppur educatamente e nel rispetto dei ruoli, Mazzarri non le manda a dire. Dichiarazioni, le sue, inequivocabili e in quanto tali abbastanza pesanti. Mazzarri ha detto no a qualsiasi gioco delle tre carte, tanto per tenere buoni i tifosi. Dichiarazioni che potrebbero già aver messo fuori causa Mazzarri (se solo Thohir per esempio è uno molto suscettibile) da qualsiasi progetto futuro. Ma tant’è e se non altro gli va dato atto della serietà che dimostra. Mazzarri evidentemente non è Allegri e, a quanto pare, non è per niente disposto a diventare un nuovo Guidolin che ogni volta ci mette la faccia per assemblare alla meno peggio una squadra sistematicamente stravolta a ogni mercato per puri interessi economici della famiglia Pozzo. D’altronde, lui era venuto a Milano per allenare l’Inter e non certo l’Udinese. Che dire? La mia stima nei confronti di Mazzarri aumenta sempre di più.

Annunci

5 pensieri su “Se Mazzarri chiede a Thohir “discorsi di senso compiuto”

  1. alexdoc

    Il tuo condivisibile commento sul carattere di Mazzarri “come persona” (per dirla alla Gaber/Luporini) va integrato con il post di Rudi, altrettanto condivisibile, che invece lo analizza come allenatore. E’ vero che é stato chiamato a fare le nozze coi fichi secchi, ma come ho sempre pensato, é un tecnico che non migliora minimamente il valore della squadra che ha, non dà insomma la “marcia in più”. Ripeto: un Cuper toscano, più grintoso dell’altro ma ugualmente fossilizzato in un modulo (il 3-5-1-1 per lui come lo era il 4-4-2 “a scatola chiusa” per l’argentino). L’uomo é “verticale”, l’allenatore non so. Aggiungo che finora da quando ha messo piede alla Pinetina non ha fatto altro che dire di sfoltire la rosa, per lui troppo numerosa, ora dopo le assenze per infortuni si è almeno accorto che non era il caso, nonostante non si giochino le coppe europee.

    Mi piace

  2. francesco

    la penso come Alex. buon allenatore, di quelli con cui farai poche figure di merda in una stagione, che al massimo ti fa conquistare un gradino rispetto alle potenzialità della squadra (meno pessimista di Alex insomma). come uomo è un toscano quindi molto ma molto caratteriale. forse se lo può anche permettere, ha superato i 50 anni e qualche euro in banca deve pur averlo. e proprio perchè toscano, è tecnicamente/tatticamente cocciuto

    Mi piace

  3. luigi

    Mazzarri è un allenatore molto competente e capace (vedi Napoli..) ed anche un uomo molto schietto e franco (cosa che non è piaciuta a DeLaurentis abituato a sentire sempre i sì). Penso che Thohir, quale uomo intelligente sappia apprezzare la visione molto realistica del suo allenatore: la rosa è troppo ampia di sicuro, come dice Mazzarri…’a buon intenditor poche parole’ ……con tutte quelle ‘pere cotte’ non ci si fanno nè la marmellata e neppure il succo di frutta !!!!!!!!!
    Dormiamo o siam desti, avete visto la qualità calcistica degli uomini della difesa ? non sanno fare neanche il ‘torello’ per portare fino a centrocampo il pallone…ma scherziamo ?!?

    Mi piace

  4. Pingback: Se Mazzarri chiede a Thohir “discorsi di senso compiuto” (2) | [...] SEGNALE ORARIO

I commenti sono chiusi.