Praticamente perfetti

Palacio sempre più mostruoso colpisce anche a Udine

Palacio sempre più mostruoso colpisce anche a Udine

Mazzarri rimescola le carte: Taider finalmente nel suo ruolo di mezz’ala destra e Alvarez di nuovo a centrocampo, ma sulla sinistra. Mentre Guarin va a fare la seconda punta (a volte quasi nella posizione da centravanti quando Palacio svaria sulla fascia) e se non altro almeno così fa meno danni.

L’assetto iniziale sembra garantire un buon equilibrio. I primi effetti sono quelli di favorire più inserimenti sotto porta di Cambiasso che alla terza palla buona sfiora il gol.

Nagatomo si inserisce a sorpresa in area ed è sua l’occasione più chiara da gol. L’Inter sta giocando con un certo ordine.

Palacio è mostruosamente efficace: se si mette a fare gol pure di testa è la fine del mondo. Ottimo l’assist di Taider su punizione. Messo a destra sembra un altro.

Papera di Brkic che sbaglia l’uscita sul corner e propizia il raddoppio di Ranocchia che colpisce al volo da centravanti puro.

La sorpresa più grande: nella prima mezzora l’inter non ha praticamente concesso niente all’Udinese. Tatticamente perfetta fino ad adesso.

Poi Muriel evita di riaprire la partita sbagliando un gol già fatto.

Samuel si infortuna di nuovo. Il suo rientro dopo il lungo stop è durato poco più di 120 minuti.

Annunci

Un pensiero su “Praticamente perfetti

  1. francesco

    l’ho vista fino al 90°, quindi ho perso il gol di Alvarez. è stata la migliore partita della stagione. non è esagerata definirla perfetta. Guarin compreso. peccato per Samuel, ma speriamo non sia nulla di grave

    Mi piace

I commenti sono chiusi.