Volevo vedere l’ultimo film di Amelio

La locandina del film di Gianni Amelio L'Intrepido

Oggi pomeriggio mi è successa una cosa strana. Volevo andare a vedere l’ultimo film di Gianni Amelio, ma ho sbagliato sala. Evidentemente ho sbagliato sala. Perché mi rifiuto di credere che quello che ho visto (insieme a mia moglie in una sala completamente vuota) sia stato girato dallo stesso autore di Colpire al cuore o Il ladro di bambini, due dei capolavori che ho amato come pochi altri. Impossibile. L’intrepido è troppo rozzo, troppo superficiale e troppo, in sintesi, qualunquista, per essere un film di Gianni Amelio. Troppo brutto anche solo per parlarne. Troppo veramente.

Voto: n. g.

Annunci

6 pensieri su “Volevo vedere l’ultimo film di Amelio

    1. segnaleorario Autore articolo

      Eh no: dovete vederlo. Anche perché voglio verificare se è solo una mia impressione oppure no. Se cioè sono io che non li capisco più – Amelio, De Gregori o Moretti – o sono invece loro che non riescono più a capire la realtà.

      Mi piace

  1. SpagnoloNerazzurro

    Una domanda – curiositá che ho, da spagnolo. Gli registi italiani (Amelio, Moretti…., Sorrentino, Garrone…) parlano apertamente della sua fede calcistica? Forse hanno paura di boicot per gli tifosi di altre squadre? Qualcuno nerazurro? Grazie.

    Mi piace

    1. segnaleorario Autore articolo

      Moretti è romanista. Gli altri non so. Ma non credo che Sorrentino o Amelio si interessino a una cosa così volgare e cafona come il calcio.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.