Ma se arriva Thohir perché l’Inter fa un mercato al ribasso?

Erik Thohir

Insomma, due sono le cose. E cioè: o i giornali (la Gazzetta in particolare) dicono come al solito cazzate oppure il nostro caro grande presidente Massimo Moratti versa in un sempre più preoccupante stato confusionale. Ora come ora la famiglia Moratti non ha più tanti milioni da investire (o non vuole, che è la stessa cosa) e questo è assodato così come noi tifosi dobbiamo capirlo e accettarlo. Ma c’è un “ma” grosso come una casa. E cioè: se le notizie dei media fossero vere ed Erick Thohir è veramente lì lì per rilevare subito il 40% della società, che senso ha programmare una ricostruzione della squadra in tono minore? Che senso ha fare una campagna acquisti al risparmio? Che senso ha  puntare solo sulle giovani promesse e sulle seconde o terze scelte senza tentare qualche grande colpo di mercato?

Caro Thohir ma ce l’hai o no ‘sti milioni?

A che serve il magnate indonesiano se non a portare quei soldi che non ci sono più? Più semplicemente: Icardi e Belfodil sono perfetti per l’Inter senza più liquidità di Moratti, su questo non si discute. Se è vero però, come tutti dicono (e su cui invece io come San Tommaso continuerò, fino a prova contraria, ad avere dei dubbi) che sia così ricco da poter reggere il confronto con le più grandi squadre d’Europa (in caso contrario sarebbe meglio rimanesse lì dove sta) allora Icardi e Belfodil non possono più bastare. Sono indubbiamente due ottime scelte soprattutto in chiave futura, ma dovesse veramente entrare in società il nuovo esotico socio le due giovani promesse in questione non bastano mica più. Con il possibile arrivo di Thohir (e dei tanto sospirati milioni che servono per rifare la squadra) di cui si parla non certo da ora ma da diversi mesi ormai, a me sembra scontato che in fase di programmazione i dirigenti nerazzurri abbiano quantomeno previsto un eventuale piano B, un piano alternativo al ridimensionamento attuale. Perché ce l’abbiamo un piano B, vero?

Thohir facci sognare: prendi subito Lewandoski e De Rossi

Se, come fanno sapere i media, le trattative tra Moratti e Thohir non solo sono in corso da un pezzo ma sarebbero pure a un buon punto, perché allora non si è pensato di trattare non solo l’acquisto dei giovani ma anche, nel qual caso dovesse entrare il nuovo ricchissimo socio, campioni già affermati e di livello internazionale come, che so, Tevez o Higuain, tanto per citare due grossi nomi che pur non piacendomi per niente erano, per dire, sul mercato da tempo? Se Thohir è così ricco come dice e come dicono i media, allora lo dimostri subito. Ha i soldi a palate? Bene. Icardi e Belfodil vanno benissimo per il futuro, ma nel frattempo porti subito all’Inter fuoriclasse tipo Lewandoski o Cavani. E a centrocampo almeno uno a scelta tra De Rossi e Paulinho. Altro che Isla, che tra l’altro ci stanno facendo penare manco fosse chissà quale fenomeno. Caro Thohir se veramente ti interessa entrare nella storia dell’Inter e se davvero hai un po’ di soldi da spendere allora dai, facci vedere. Facci sognare. Fai qualcosa di concreto. Fatti, insomma, non chiacchiere. Per quelle bastano e avanzano Branca e compagni.

Annunci

2 pensieri su “Ma se arriva Thohir perché l’Inter fa un mercato al ribasso?

I commenti sono chiusi.