Stiamo perdendo anche Pedro

La locandina del film Brutte notizie per il buon cinema: dopo Woody Allen e Nanni Moretti purtroppo anche Pedro Almodóvar sembra aver esaurito la sua vena creativa. Gli amanti passeggeri mi è sembrato a tratti imbarazzante per la sua pochezza e inutilità. Se non è il suo peggior film, ci va molto vicino.

Mi chiedo: che bisogno aveva mai l’autore di capolavori come Donne sull’orlo di una crisi di nervi, o Tutto su mia madre, o Parla con lei o Volver, di realizzare per forza questa cosa quando non aveva niente di veramente interessante da raccontarci? Non era meglio se restava fermo un giro (e prendeva fiato) piuttosto che firmare una pellicola così sciatta e sconclusionata?

Non so se esagero, ma le mie impressioni a caldo sono molto negative. Al di là dell’indiscutibile bravura degli attori, del film non mi è piaciuto niente o quasi. La storia è inverosimile e non è certo una novità per Almodóvar, ma rispetto alle sue opere migliori stavolta gli svariati quanto indimenticabili personaggi che solitamente danno anima e forza al suo cinema hanno scarso spessore e sembrano più che altro delle macchiette, neppure tanto divertenti. Si sorride qui e là, non dico di no, ma il risultato complessivo rimane parecchio deludente. Che altro dire? Magari più in là, se avrò voglia di rivederlo (ma non credo proprio) verificherò se il mio giudizio sia stato affrettato o invece continuerà ancora ad essere così negativo.

Voto: 4

Annunci

4 pensieri su “Stiamo perdendo anche Pedro

  1. P37

    ho visto negli ultimi due giorni ‘to Rome with love’ e ‘amanti passeggeri’.sinceramente la delusione per woody allen è stata ben maggiore..

    Mi piace

I commenti sono chiusi.