Grillo per favore non fare l’integralista

Capisco la necessaria integrità e soprattutto coerenza nel voler a tutti i costi tenere fede sempre e comunque al patto sottoscritto tra rappresentanti e rappresentati. Altrimenti il Movimento 5 Stelle così come è nato e si è improvvisamente affermato potrebbe altrettanto velocemente scomparire.

Non capisco però la pretesa di un’assoluta e indiscutibile fedeltà a questioni di principio che non tengono per niente conto della realtà dei fatti. Sbaglia Grillo a bacchettare i suoi senatori che hanno scelto di votare Grasso per paura che venisse eletto uno come Schifani.

Quella dozzina di “disobbedienti” aveva tutto il diritto di farlo — si trattava del ballottaggio e a quel punto bisognava comunque scegliere da che parte stare — perché in democrazia funziona così. Mi auguro che Grillo lo capisca presto, capisca cioè come funziona la politica.

Annunci

5 pensieri su “Grillo per favore non fare l’integralista

  1. alexdoc

    Segnale, inutile chiedergli “Beppe nun fà l’integralista stasera”. Quello non lo “fa”, lo è. E’ fatto così, e ormai alla sua età non cambia più, anzi al massimo lo può diventare ancora di più, non di meno. Prima lo si capisce e lo si accetta, meglio è per tutti. I suoi sono un’altra cosa, ma è inutile chiedere a un uomo di cambiare la propria natura, anche per lui vale l’apologo della rana e lo scorpione.

    Mi piace

      1. francesco

        Segnale, sono sbalordito del tuo stupre. Grillo è un FASCISTA! è come, nè più nè meno. Berlusconi. chi siano i suoi eletti non lo so. di un’altra cosa sono certo, gli elettori non sono migliori degli elettori del PDL. (con la “L”)

        Mi piace

      2. segnaleorario Autore articolo

        Però non puoi negare che diversi aspetti del programma sono condivisibili (lascia stare il referendum sull’euro e qualche demagogia di troppo) e che comunque quegli 8 milioni chiedono, complessivamente, cose giuste.

        Mi piace

I commenti sono chiusi.