Arriva il centravanti-boa? Ma non trattiamolo come Pazzini

John Carew, ex centravanti-boa

L’arrivo del centravanti-boa John Carew (sempre che superi le visite mediche) può essere visto in due modi a seconda di come si voglia giudicare l’operato della dirigenza nerazzurra. E cioè a voler essere politicamente corretti sarebbe l’ammissione seppur tardiva (o per meglio dire fuori tempo massimo) delle colpe di chi avrebbe fatto meglio a prendere una prima punta a mercato aperto invece di dire sempre che non ce ne fosse per niente bisogno. Oppure, a voler proprio infierire dando così sfogo alle recriminazioni per anni e anni di frustranti scelte spesso incomprensibili, si potrebbe benissimo dire che sia la più evidente dimostrazione dell’incompetenza di Branca e compagnia bella.

Fatto sta che si tratta di una soluzione inevitabilmente piena d’incognite. Sia sull’effettivo stato di forma di quello che fino a un giorno fa era un ex giocatore e sia per quanto riguarda l’aspetto tecnico. Carew me lo ricordo benissimo al suo arrivo a Roma, scelto dieci anni fa dall’allora allenatore Capello proprio per colmare la stessa lacuna che ha oggi l’Inter. E ricordo anche tutte le difficoltà incontrate da Carew ad ambientarsi e soprattutto il fatto che alla fine non si ambientò proprio e dopo una sola  poco convincente stagione fu spedito in Turchia.

Uno come lui, classico centravanti fortissimo di testa ma decisamente ruvido con i piedi, per essere utile alla squadra deve essere al massimo della forma. E, soprattutto, ha bisogno che la squadra si adegui alle sue caratteristiche senza pretendere cioè che possa dialogare, come se niente fosse, con Cassano o Guarin. A uno come Carew, se sta bene ed è ancora capace di giocare da professionista,  si può solo chiedere sponde per far alzare la squadra o tenere palla e di metterla dentro ogni tanto di testa. Ma perché possa fare qualche gol sarà bene che Stramaccioni non faccia lo stesso errore dei suoi predecessori con quanto è già successo con Pazzini. Che cioè prima si prende un classico centravanti d’area bravo soprattutto nel gioco aereo e poi però ci si guarda bene dal rifornirlo con qualche buon cross dal fondo. Insomma, se dovesse arrivare veramente Carew vediamo allora di fare in modo che la squadra giochi in una certa maniera. Altrimenti lasciamo perdere che è meglio.

Annunci