Il turn-over e il rischio di un’altra imbarcata

Marco Benassi e Rodrigo Palacio

Il problema o almeno uno dei problemi (magari ce ne fosse un solo) più immediati da risolvere è il seguente: come fare al meglio il turn-over (perché si farà, vero?) nella trasferta romena senza rischiare di prendere (eventualità da non escludere) un’altra imbarcata?

In una situazione così difficile a pochi giorni da un derby che sembra improvvisamente diventato un ostacolo quasi insormontabile mi auguro non si faccia la cosa peggiore immaginabile e cioè che ogni decisione, anche la più difficile, venga scaricata addosso a Stramaccioni. Credo sia assolutamente necessario fare quadrato attorno all’allenatore e che cioè i senatori si assumino le loro responsabilità e la società sostenga eventuali scelte poco gradite allo spogliatoio. Tipo che secondo me nell’Inter attuale il Capitano e Cambiasso insieme non possono giocare. Per ragioni che conosciamo troppo bene uno è sempre di troppo. Quindi secondo me sarebbe opportuno che uno giochi giovedì e l’altro domenica. Uno dei due accetterà di rinunciare al derby? Ora come ora penso di no, così come immagino che Stramaccioni da solo difficilmente potrebbe riuscire a imporre una scelta così drastica, ma forse utile alla squadra.

Considerato poi che difficilmente a Benassi faranno giocare il il derby mi sembra chiaro che contro il Cluj debba essere piazzato al fianco di Cambiasso o il Capitano, a seconda di chi giocherebbe in campionato. Mentre per gli altri due centrocampisti, che potrebbero essere Gargano a destra e Guarin a sinistra, prevederei un’opportuna staffetta nella ripresa. Come trequartista o finta seconda punta e magari, perché no, insieme a Guarin con l’Inter schierata ad albero di Natale, mi affiderei obbligatoriamente ad Alvarez, seppure con tutte le comprensibili perplessità sull’argentino: già non ci si può contare a risultato acquisito figurarsi in una trasferta che certo non si preannuncia una passeggiata. Ma questi abbiamo e questi devono giocare. Lì davanti concederei un tempo per ciascuno a Palacio e Cassano, dato che escluderei in una partita così complicata l’esordio del ragazzino della Primavera Terrani. Insomma, io farei questa formazione:

HANDANOVIC

JONATHAN RANOCCHIA JUAN JESUS PEREIRA

GARGANO CAMBIASSO BENASSI

GUARIN ALVAREZ

PALACIO

Annunci

Un pensiero su “Il turn-over e il rischio di un’altra imbarcata

I commenti sono chiusi.