Incognite di centrocampo

Mateo Kovacic nell'esordio in Seie A a Siena

Data l’assenza forzata di Kuzmanovic e di Stankovic (fuori lista) e considerato che Cambiasso forse è meglio che venga risparmiato per la difficile trasferta di Firenze, non si sa ancora se sia possibile recuperare Kovacic. Nel qual caso dovesse giocare, propenderei per un 4-3-1-2 con vicino il Capitano a fargli da tutor e concedendogli anche la libertà di provare ad alternarsi con Guarin dietro le punte.

Un azzardo? Un azzardo, anche tenuto conto del valore del Cluj, arrivato secondo nella fase a gironi della Champions ma eliminato per aver perso nello scontro diretto con il Galatasaray. Una buona squadra, insomma. Ma in coppa, secondo me, è giusto rischiare un po’. Anche se sono d’accordo con chi sostiene che a 18 anni è troppo presto per fare il trequartista o, cosa ancora più difficile e delicata, il regista.

Per la partita di domani partirei con questa formazione:

HANDANOVIC

NAGATOMO RANOCCHIA JUAN JESUS PEREIRA

ZANETTI KOVACIC GARGANO

GUARIN

MILITO CASSANO

Ricky AlvarezSe invece Kovacic dovesse rinviare di nuovo l’esordio a San Siro allora si libererebbe un posto per Alvarez, sempre sperando sia la volta buona, che cioè non deluda come al solito ogni aspettativa. Nel qual caso Stramaccioni potrebbe ripiegare su un solido, rassicurante 4-4-2:

HANDANOVIC

NAGATOMO RANOCCHIA JUAN JESUS PEREIRA

ZANETTI GUARIN GARGANO ALVAREZ

MILITO CASSANO

In ogni caso, prima scelta in panchina: naturalmente Benassi. Subito dopo Palacio.

Annunci

2 pensieri su “Incognite di centrocampo

  1. SpagnoloNerazzurro

    Ma dai, sempre con Álvarez a la fascia sinistra o esterno (anche Strama). È un trequartista, lasciamolo giocare, libero, nel suo ruolo,
    Ieri ho guardato Verrati col PSG. Ottimo giocatore, bennisimo per la vostra nazionale. Complimenti! (Branca sveglia!!!!)

    Mi piace

I commenti sono chiusi.