Andy Van Der Meyde, sregolatezza senza genio e un gol

Andy Van Der Meyde festeggiato da Cruz e Martins dopo il gol a Highbury

Van Der Meyde festeggiato da Cruz e Martins dopo il gol a Highbury

Mogli zoofile e spogliarelliste, sbronze, cocaina e pillole, corse in automobile con Ibra e Mido, figli negati o malati e troppi soldi: nell’autobiografia onesta quasi fino all’autodenigrazione (di cui la Gazzetta riporta non pochi passaggi decisamente significativi) Andy Van Der Meyde ricorda anche i due anni all’Inter. Di come volesse scappare da Milano dopo appena una settimana, della sua scarsa propensione a fare una vita da sportivo e poi quel gol a Highbury, uno dei quattro gol segnati nelle sue due deludenti stagioni in maglia nerazzurra, quello sì davvero indimenticabile. Il suo, racconta l’ex interista, “miglior momento in nerazzurro”. E unico, verrebbe da aggiungere. Certo, che l’Inter ha sempre avuto poca fortuna con gli olandesi. Ogni riferimento a persone esistenti o fatti… attualmente in corso non è puramente casuale.

Annunci

2 pensieri su “Andy Van Der Meyde, sregolatezza senza genio e un gol

  1. alexdoc

    Spero per lui e soprattutto per noi che l’olandese “attualmente in corso” non condivida troppe abitudini con questo.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.