Oriali, Branca e l’Inter del futuro

Oriali con Mourinho
Tra Lele Oriali e Marco Branca io sto, manco a dirlo, con Oriali. Non fosse altro perché sicuramente non è colpa di Oriali se uno come per esempio Zarate è venuto all’Inter. E come Oriali sono altrettanto preoccupato per il futuro dell’Inter:

La cosa che mi preoccupa di più è che Branca ha detto che sta già lavorando per il prossimo anno: se fosse vero spero che stia lavorando per il futuro di un’altra squadra, non dell’Inter.

Quanti altri mezzi giocatori arriveranno? Quante nuove mezze punte arricchiranno la collezione? A quanti nuovi colpi di mercato (sic) come Zarate saremo condannati ad assistere?

Qui uno dei tanti articoli sulla lite a mezzo stampa tra Oriali e Branca, il primo allontanato improvvisamente (e inspiegabilmente) dall’Inter quando l’Inter vinceva e il secondo tuttora indiscusso responsabile del mercato nonostante i clamorosi, ripetuti e a volte imbarazzanti errori di valutazione commessi dalla notte di Madrid a oggi.

Annunci

8 pensieri su “Oriali, Branca e l’Inter del futuro

  1. francesco071966

    copioincollo ciò che ho scritto da Rudi ieri

    ero a San Siro oggi pomriggio. come promesso, visto il momento di crisi, ho deciso di andare a vedere la squadra. dal vivo lo spettacolo è stato ancor più desolante. una manifestazione di minorità calcistica, con i senatori inesorabilmente sul viale del tramonto ma gli unici capaci di fare qualcosa di buono e con i giovani che davano una sensazione di non tirare fuori nulla di buono (anche Poli che, al di là del tiro da fuori della ripresa, sbagliava in continuazione ogni pallone).
    Ranieri è colpevole come sono tutti colpevoli in momenti come questi. e arriverà a fine stagione, anche se ne prendessimo 5 con la Juventus.
    no, qualcuno di pù colpevole c’è, ed è la società presidente in testa.
    torneremo a vincere qualcosa tra 5 anni, questa è la risultante di questa domenica pomeriggio.
    una pena insomma

    Mi piace

  2. calci0mercat0

    Quando Branca diventò dirigente un anziano signore di Massa Marittima, tifosissimo dell’Inter, mi disse: “C’ho le mani nei capelli, un ci si può levar niente di buono da un grossetano”.
    Per anni pensavo che si fosse sbagliato, ora credo che possa aver ragione.

    Mi piace

  3. gigidibiagio

    No, mi spiace, con Oraili stavolta non ci sto.
    E mica tanto per Oriali in se e per se (che comunque non avrà portarto zarate, ma perle come macellari e cirillo si, solo che ora fa gioco ricordare milito o eto’o)

    Oriali ha sbagliato tempi, modi ma soprattutto luoghi per fare le sue esternazioni.

    I mediaservi ieri non ptevano credere ai loro occhi, gli ha praticamente risolto il palinsesto domenicale: come Gasperini se n’è uscito col veleno ad orologeria. Che classe!

    Mi piace

  4. alexdoc

    Hanno torti (attuali e storici) entrambi, ma più di loro due messi insieme Moratti. La differenza è che Branca è oggettivamente troppo più antipatico. Ma Oriali è stato un grandissimo come uomo di collegamento tra allenatore giocatori e società, non certo come uomo mercato (ai due esempi di Gigi ne andrebbero aggiunte decine).

    Mi piace

  5. Rudi

    Oriali non tornerà all’Inter, Branca temo ci resterà.
    Motivi che non conosco rendono così solido il rapporto fra Branca e Moratti.
    Spero solo che il ruolo di Branca venga ridimensionato, e che in società entri una figura forte, che capisca di calcio e che Moratti rispetti.
    Un nome improbabile: Jorge Valdano.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.